Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Due distinte denunce per il reato di maltrattamento di animali in violazione dell'articolo 544 del codice penale sono state inviata mezzo raccomandata questa mattina alle Procure della Repubblica presso i Tribunali Penali di Reggio Emilia e a quella di Arezzo, 17 pagine a firma del presidente nazionale di AIDAA Lorenzo Croce per denunciare quanto accaduto in tre incontri in una villa nella zona di Rigutino dove tra giugno ed agosto secondo quanto segnalato prima al telefono contro la zoorestia di AIDAA e poi messo nero su bianco, quindici persone avrebbero avut rapporti sessuali di vario genere con tre cani di grossa taglia (alano) che sono stati portati agli incontri da un uomo di Reggio Emilia il quale non sarebbe nuovo a mettere a disposizione i suoi cani per rapporti sessuali o per la registrazione di video porno di zoorestia. Le persone coinvolte a vario titolo segnalate sono 16 e di questi una decina avrebbero avuto i rapporti sessuali con gli animali, mentre gli altri (uomini e donne) avrebbero partecipato a queste orge ma astenendosi dall'avere rapporti sessuali con gli animali. Gli incontri sarebbero stati organizzati attraverso un sito specializzato di incontri hard individuato e segnalato alle procure dell'Aidaa. Il presidente di AIDAA Lorenzo Croce ha chiesto di essere sentito al più presto per poter entrare maggiormente nei dettagli. Il tutto è scaturito da una testimonianza diretta di una donna di 51 anni che ha partecipato a questi incontri senza però a suo dire aver avuto rapporti con gli animali.

Meteo Arezzo